Lo sviluppo del linguaggio

Lo sviluppo del linguaggio

Per linguaggio si intende la capacità di esprimersi attraverso il canale verbale e come sappiamo è un’abilità che si sviluppa su base interazionale nell’infanzia. Nello specifico, la letteratura ci insegna che nei primi tre anni di vita vengono acquisiti i principi e le regole di base della lingua naturale secondo delle tappe che possiamo considerare “universali”, ossia comuni a tutti noi.

Tappe dello sviluppo del linguaggio

Le tappe di acquisizione del linguaggio sono molteplici e possono essere suddivise nei seguenti stadi:

    • Dalla nascita al 1° mese: il bambino emette suoni che raramente sono di tipo linguistico, ma sono la conseguenza dell’anatomia del tratto vocale. Nei mesi successivi produce suoni gutturali
    • Tra i 4 e i 6 mesi : inizia a produrre una gamma maggiore di suoni, dovuti alla separazione tra cavità nasale e orale
    • A 6 mesi circa: compare la lallazione , che consiste nella ripetizione di sillabe in successione. In una prima fase è presente la lallazione canonica ovvero la ripetizione di sillabe uguali (pa pa pa o na na), successivamente avviene la lallazione variata , in questo caso le sillabe prodotte sono diverse (pa-ma o na-ba).
    • Tra i 10 e i 12 mesi: le lallazioni si arricchiscono di suoni
    • Tra i 12 e 15 mesi : oltre alle lallazioni e vocalizzazioni compaiono le prime parole (stadio prelinguistico)
    • Tra i 16 e i 18 mesi: si incrementa il numero di parole , ma mancano le espressioni combinatorie ( stadio olofrastico)
    • Tra i 19 e i 24 mesi: iniziano a comparire le prime combinazioni di parole “mamma acqua” (stadio combinatorio)
    • Tra i 25 e i 28 mesi: si incrementano le espressioni combinatorie ed emergono gli enunciati nucleari incompleti morfologicamente “lì c’è bottiglia” ( stadio protosintattico)
    • Tra i 29 e i 32 mesi : viene acquisito il controllo delle principali regole grammaticali negli enunciati semplici e si arricchisce la frase di elementi (stadio morfosintattico 1)
    • Tra i 32 e i 36 mesi : si consolida la struttura dell’enunciato e l’acquisizione delle regole grammaticali (stadio morfosintattico 2)

 

È importante sottolineare come ciascun bambino segue il suo sviluppo individuale e può pertanto discostarsi dalle tappe linguistiche sopra citate.  Allo stesso tempo non dobbiamo sottovalutare, qualora il bambino si discosti in maniera significativa dalle tappe di sviluppo, la possibilità di rivolgersi ad un professionista e non aspettare un recupero autonomo, ma valutare tutte le varianti che incidono sullo sviluppo.

 



Questo sito fa utilizzo di cookie, accetta per continuare la navigazione maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi